In questa sezione è possibile trovare il monitor dei tempi delle gare proprio come se ci si trovasse al Mugello.
Segui live, le classifiche, i tempi e gli intermedi di ogni sessione di prova, qualifica e gara.

Nessuna attività in pista al momento.
Scopri di più
WEC- In Bahrain col coltello fra i denti

novembre 8, 2015

WEC- In Bahrain col coltello fra i denti

La 488 uno step evolutivo importante

 

Scarperia, 8 novembre – Il pensiero al futuro più prossimo, l’ultima gara stagionale, ma anche rivolto a quello che sarà nel 2016 con una vettura nuova. Questi i due temi dominanti nella conferenza stampa che “Gimmi” Bruni, Andrea Bertolini e il responsabile delle Attività Sportive GT, Antonello Coletta.

 

La stagione. In Bahrain la Ferrari arriva da leader del campionato costruttori ma i punti di vantaggio sulla Porsche sono solo tre, per cui non è pensabile di gestire: “Il vantaggio è troppo ridotto, è come se partissimo alla pari. Dobbiamo cercare di stare davanti ai nostri avversari, ne abbiamo le capacità e credo che ce la giocheremo con il coltello fra i denti”. “Gimmi” Bruni ha chiare le priorità: “Inutile nasconderci che il titolo piloti è difficile per noi così come per i nostri compagni della vettura numero 71 James Calado e Davide Rigon, ma il primo obiettivo della Ferrari è vincere tra i costruttori, e per questo obiettivo siamo ancora assolutamente in corsa. Daremo il massimo, quello di Sakhir è una pista che mi piace molto. La sera della gara guarderemo la classifica e tireremo le conclusioni”.

 

Uomo azienda. Andrea Bertolini è un vero uomo azienda, la sua storia è legata a doppio filo alla Ferrari e le sue parole non fanno che confermare questo fatto: “La mia stagione 2015 è assolutamente positiva, non potrò però dirmi completamente soddisfatto se la Ferrari non vincerà il titolo tra i costrittori. Tutti vogliamo questo ed è importante centrare l’obiettivo. Per quanto mi riguarda, invece, non posso che essere contento perché ho messo nel palmares una gara come la 24 Ore di Le Mans e sono, insieme ai miei compagni Aleksey Basov e Victor Shaytar, al comando del campionato con 19 punti di margine sulla Ferrari di AF Corse di François Perrodo, Rui Aguas ed Emmanuel Collard. L’obiettivo della vittoria non sembra lontano, ma sottovalutare la gara del Bahrain sarebbe l’errore peggiore”.

 

Il 2016. Poi il discorso si è spostato sulla prossima stagione, “che è praticamente già cominciata visto che proprio alle Finali Mondiali abbiamo presentato la 488 GTE e GT3”, ha detto Antonello Coletta. “Questa vettura ha il non facile compito di aprire un nuovo ciclo dopo quello straordinario della 458 Italia, una tra le più vincenti nella storia della Ferrari. Ci abbiamo lavorato tanto e lo stiamo continuando a fare perché il nostro obiettivo è avere una vettura performante ma anche facile da guidare, come era la 458 Italia”. L’obiettivo è il debutto alla 24 Ore di Daytona ma soprattutto, nel caso della GTE, è avere una vettura affidabile che sfrutti al meglio i cambiamenti di regolamento del WEC. Entrambe le vetture presentate al Mugello sono dotate di motore turbo e cambio trasversale per una migliore distribuzione dei pesi.